Marketing coach e consulenza

Marketing coach e consulenza: differenze

Cosa fanno il marketing coach e il consulente di marketing?

Entrambi possono aiutare le aziende ed organizzazioni a sviluppare le azioni di marketing più adatte, anche con un piano personalizzato, per rendere vendite e business più efficaci.

Ma mentre il consulente di marketing si occupa di eseguire buona parte delle attività, fase sia nella strategica sia in quella realizzativa (impostazione concept, mission, obiettivi e strumenti, scelta media e redazione di contenuti per siti, brochure, social, coordinamento agenzie), il coach si limita a formare ad un metodo, indicando un percorso strutturato, se necessario trasferendo competenze.

Consophia crede che per partnership efficaci con i clienti occorra disporre, almeno in parte, degli stessi codici culturali e professionali.

Non è possibile infatti comprendersi e operare sinergicamente senza “parlare la stessa lingua”.

A tale fine occorre a volte “formare” l’interlocutore e parallelamente acquisire una conoscenza adeguata delle sue problematiche, possibilmente direttamente in azienda.

Tutte le attività di Consophia sono precedute da attento ascolto, analisi della società, dei suoi obiettivi, per comprendere, insieme al cliente, quali siano i reali bisogni, e successivamente, gli strumenti e le competenze per soddisfarli (formazione, coaching, consulenza).

Più in dettaglio il coach spiega cosa occorra fare per impostare un piano, aiuta a definire le strategie e i contenuti da comunicare, anche con il supporto di questionari di assessment maieutici, ed eventualmente forma per gli skill immediatamente trasferibili. L’esecuzione delle attività non è però di sua competenza, a meno che il rapporto non evolva in consulenza.

Il marketing coach dunque è la soluzione ideale quando per motivi di budget (ad esempio nelle start up) o per fattori strategici (sicurezza) si preferisce delegare a terzi un supporto soprattutto metodologico, ma non la fase realizzativa.

Se di utilità per il committente, Consophia può comunque coordinare altri fornitori, scelti tenuto conto dei suoi obiettivi e del suo budget. Per campagne off line in Italia ad esempio, oggi inutile ipotizzare azioni efficaci se non si dispone almeno di due milioni di euro.

Il consulente pesca per il cliente, il coach insegna a pescare.

Consophia, indipendente, può attingere ad un ampio network di partner con differenti background o specializzazioni settoriale, per

– Marketing (concept e content)

– Web e Social

– Advertising e off line merchandising

– Pianificazione Media

– Ufficio Stampa

– Eventi

– CRM

Consophia